Felice

Felice

Traditional Roman Cuisine Restaurant
Design by Pringo

Felice

Felice

Ristornate

Felice

Traditional Roman Cuisine Restaurant
Design by Pringo

Ristornate

Felice

Traditional Roman Cuisine Restaurant
Design by Pringo

Felice

Felice

Dehor Roma | Felice a Testaccio
Associazione Botteghe Storiche Roma | Felice a Testaccio
Famiglia | Felice a Testaccio

La nostra storia

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

La nostra storia

Dehor Roma | Felice a Testaccio
Associazione Botteghe Storiche Roma | Felice a Testaccio
Famiglia | Felice a Testaccio

La nostra storia

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

La nostra storia

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Dehor Roma | Felice a Testaccio
Famiglia | Felice a Testaccio

La nostra storia

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Associazione Botteghe Storiche Roma | Felice a Testaccio
Famiglia | Felice a Testaccio

La nostra storia

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Associazione Botteghe Storiche Roma | Felice a Testaccio

- c u c i n a     r o m a n a -

Tradizione

Contemporanea

Ingredienti selezionati e materie prime locali sono i protagonisti che ogni giorno vi proponiamo nel nostro menu.
Per guidarvi nella scoperta di tutti i piatti della tradizione romana abbiamo pensato ad un menu per ogni giorno della settimana.
Potrete esaltare i sapori accompagnandoli con un’ampia carta dei vini scelti tra le migliori cantine di tutto il territorio Italiano.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Tradizione

Contemporanea

Ingredienti selezionati e materie prime locali sono i protagonisti che ogni giorno vi proponiamo nel nostro menu. Per guidarvi nella scoperta di tutti i piatti della tradizione romana abbiamo pensato ad un menu per ogni giorno della settimana. Potrete esaltare i sapori accompagnandoli con un’ampia carta dei vini scelti tra le migliori cantine di tutto il territorio Italiano.

Tradizione

Contemporanea

Ingredienti selezionati e materie prime locali sono i protagonisti che ogni giorno vi proponiamo nel nostro menu. Per guidarvi nella scoperta di tutti i piatti della tradizione romana abbiamo pensato ad un menu per ogni giorno della settimana. Potrete esaltare i sapori accompagnandoli con un’ampia carta dei vini scelti tra le migliori cantine di tutto il territorio Italiano.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Tradizione

Contemporanea

Ingredienti selezionati e materie prime locali sono i protagonisti che ogni giorno vi proponiamo nel nostro menu. Per guidarvi nella scoperta di tutti i piatti della tradizione romana abbiamo pensato ad un menu per ogni giorno della settimana. Potrete esaltare i sapori accompagnandoli con un’ampia carta dei vini scelti tra le migliori cantine di tutto il territorio Italiano.

  • Carbonara gourmet | Felice a Testaccio

Un ristorante popolare?
Una trattoria gourmet?

Felice a testaccio è una famiglia che ti accoglie, uno spazio confortevole in cui rilassarsi, uno staff professionale a cui affidarsi.

Ingredienti pepe | Felice a Testaccio

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

  • Carbonara gourmet | Felice a Testaccio

Un ristorante popolare?
Una trattoria gourmet?

Felice a testaccio è una famiglia che ti accoglie, uno spazio confortevole in cui rilassarsi, uno staff professionale a cui affidarsi.

Ingredienti pepe | Felice a Testaccio
  • Carbonara gourmet | Felice a Testaccio

Un ristorante popolare?
Una trattoria gourmet?

Felice a testaccio è una famiglia che ti accoglie, uno spazio confortevole in cui rilassarsi, uno staff professionale a cui affidarsi.

Ingredienti pepe | Felice a Testaccio

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

  • Carbonara gourmet | Felice a Testaccio

Un ristorante popolare?
Una trattoria gourmet?

Felice a testaccio è una famiglia che ti accoglie, uno spazio confortevole in cui rilassarsi, uno staff professionale a cui affidarsi.

Ingredienti pepe | Felice a Testaccio

Freschezza e qualità degli ingredienti, fedeltà alle ricette della tradizione, costanza e dedizione garantiscono un’esperienza culinaria genuina e appagante.

Ingredienti rosmarino | Felice a Testaccio
Abbacchio | Felice a Testaccio

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Freschezza e qualità degli ingredienti, fedeltà alle ricette della tradizione, costanza e dedizione garantiscono un’esperienza culinaria genuina e appagante.

Ingredienti rosmarino | Felice a Testaccio
Abbacchio | Felice a Testaccio

Freschezza e qualità degli ingredienti, fedeltà alle ricette della tradizione, costanza e dedizione garantiscono un’esperienza culinaria genuina e appagante.

Ingredienti rosmarino | Felice a Testaccio
Abbacchio | Felice a Testaccio

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Abbacchio | Felice a Testaccio

Freschezza e qualità degli ingredienti, fedeltà alle ricette della tradizione, costanza e dedizione garantiscono un’esperienza culinaria genuina e appagante.

Ingredienti rosmarino | Felice a Testaccio

Dal 2017 anche a MILANO

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”: la sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio è arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017 la sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano in un vero è proprio format innovativo, un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo i segreti di bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”: la sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio è arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017 la sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano in un vero è proprio format innovativo, un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo i segreti di bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”: la sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio è arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017 la sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano in un vero è proprio format innovativo, un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo i segreti di bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”: la sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio è arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017 la sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano in un vero è proprio format innovativo, un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo i segreti di bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Design by homepage.

infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte, infatti, ulteriore, nonché, entrambe (o nessuno dei due), non solo (questo), ma anche (che), anche, per di più, inoltre, difatti, in tutta onestà, e, inoltre, in aggiunta a questo, oltre a questo, a dire la verità, o, infatti, in realtà, per non parlare di, a dire il vero, pure, molto più, molto meno, come tale, per non parlare di, né, in alternativa, d’altra parte.

Oggi è ancora più semplice entrare a far parte della famiglia “Felice”. La sua Cacio e Pepe ha fatto strada e dalla storica sede romana a Testaccio. Arrivata nella capitale Meneghina. Felice a Testaccio apre nel 2017. La sua vetrina a Milano. In questa nuova sede troverete Giulia: stessa grinta e stessa tenacia dello zio Felice. Il design del ristorante di Milano reinterpreta i temi architettonici del locale romano. Un vero è proprio format innovativo. Un concept restaurant contemporaneo che racconta in modo nuovo di segreti. Della bontà di Felice. Memoria e novità si uniscono in un solo abbraccio, Felice a Testaccio.

Ristorante

Era il 1936. Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.
È dalla terra e dalla tradizione che hanno origine le sue ricette, tramandate fino a oggi grazie alla dedizione dei Trivelloni.
Successivamente il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova, stessa qualità dei piatti.